ADDOBBI NATALIZI: la robaccia “tutto ad 1 EURO” lasciamola a chi ci affama !

Il Natale è alle porte: ottima occasione per dimostrarci svegli e identitari, invece di crogiolarci nelle notizie di crisi nera e alzar le spalle nell’orrendo gesto di rassegnazione che contraddistingue da tempo l’atteggiamento civile e civico verso la globalizzazione che sta affamando il nostro popolo e l’Europa in generale. Eh già, amici, perché affama solo noi, sapete?! Non certo gli altri, a giudicare da quel che si vede in giro e che si sente ogni giorno circa i paesi che sono in crisi e quelli che invece debordano di ciccia e che per anni ci hanno fatto passare come paesi “affamati”…

Ebbene, andando per vetrine, vi imbatterete ogni giorno di più nella difficoltà di rimediare decorazioni natalizie e lucine varie per l’albero che non siano di fabbricazione cinese o, ancor peggio, vendute PROPRIO dai cinesi che assediano le nostre disperate città. Ebbene, sappiate che i rimedi ci sono eccome: basta aguzzar chiappe, creatività e spirito combattivo: io provo con alcuni consigli, ma senz’altro si puo’ far di meglio in meglio…

1: usare – motivo in più per conservare affettivamente ed identitariamente tutto cio’ che appartiene al passato, al retaggio familiare, anche in chiave anticonsumista..- le vecchie decorazioni, magari riarrangiate o arricchite da elementi rimediati dalla vostra creatività: rendiamolo vivo davvero sto benedetto natale, e non una festa da subire come tante!

2: inventarsi una nuova formula di albero: ad esempio attraverso spuntature di varie piante diverse messe a colorare e decorare l’albero di base; albero che si puo’ fare di rami secchi, di “stracci”, a fantasia, con caramelle e frutta, con sassolini o minerali appesi; oppure con golosità alimentari che poi si consumano. Poi si va in normali negozi di elettricità – ITALIANISSIMI – e si trovano soluzioni luminose che prescindano dalla classica coroncina colorata di lucine che i cinesi han saputo rendere TRISTISSIMA nella sua banalità e serialità, sicuramente FALLATA e senz’altro PERICOLOSA!!!

3: manufatti natalizi d’ogni sorta fatti dai tedeschi o da italiani si trovano ancora, contateci: anzitutto perché ci sono zone d’Italia (ad esempio il Trentino) ove vengono prodotti per sacra tradizione, e certo NON dai musi gialli; e poi perché tra riserve di magazzino e negozi un po’ atipici si trova ancora DI TUTTO, basta cercarlo. Magari potete farvi consigliare dai vostri negozianti di fiducia, che non stanno lì solo a vendervi la roba da una vita, ma sono anche un punto di riferimento culturale per capire tutti insieme come uscire da questo immondezzaio globalizzato, professionisti esercenti e fruitori: siam tutti nella stessa barca, e dovremmo essere uniti da un senso d’appartenenza territoriale che non si acquista come un’artificiosa cittadinanza scritta sulla carta delle olive, ma dovrebb’essere inciso nell’esser nati e cresciuti insieme, quel che un tempo si diceva “compatrioti”, termine oramai ridotto ad una parolaccia proprio da quei mondialisti e globalisti che all’albero di natale non pensano proprio perché sono troppo impegnati a salire sui tetti delle università poggiando i piedi sulle morbide spalle dei ragazzini per poi scenderne dopo dieci minuti e salire sulle autoblu di Stato e correr via scorreggiando alla faccia nostra e del nostro “parco natale”.

Ma bisogna affrettarsi, poiché più cediamo alla tentazione di comprar facile e a poco dai cinesi, meno riusciremo ad invertire la rotta ed a salvare chi propone ed offre soluzioni alternative che son poi quelle che ci appartengono per tradizione: compreso un albero fatto di candeline, magari poche e ben messe, ma utilizzabilissime: vi manderanno senz’altro a fuoco casa meno facilmente delle lampadine fraciche vendutevi ad 1 euro dai “madre in china” !

Un ultimo cenno anche per i doni: ci bombardano di notiziacce per cui non ci sarebbero soldi…bene, aguzziamo l’ingegno e fortifichiamo economia e tradizione: invece di cianfrusaglie globaliste e rimbambenti, regaliamo VINO, OLIO, DOLCI FATTI IN CASA..RIPRENDIAMO IN MANO IL SENSO E LA BONTA’ DELL’ESISTERE E DEL SAPER GODERE DEI VERI FRUTTI DELLA TERRA, visto che quelli offerti dagli uomini non sempre profumano di nostrano.

PYTTRIX SANDRA – Patronessa e Giostraia di DVRA CRVX CENACVLI dX / Aristocrazia Dvracrvxiana

Annunci

Una Risposta to “ADDOBBI NATALIZI: la robaccia “tutto ad 1 EURO” lasciamola a chi ci affama !”

  1. franzboas Says:

    Quando ieri mattina ho risposto al telefono e mi sono ritrovata dall’altra parte Tony di Telecom Italia che che cercava il “titolale” della azienda “pelchè aveva un’offelta da fale” ti ho pensato. E se normalmente riattacco con una punta di dispiacere per il lavoro triste cui sono costretti giovani italiani, con l’introduzione del rompipalle Made in China la Telecom è stata così comprensiva dal rendermi lo sbattimento di cornetta in faccia agevole e soddisfacente. Neanche l’obbligo di imparare a pronunciare le liquide come Dio comanda, forse pensano che con lo straniero al telefono l’italiano oppresso dal politicamente corretto accetterà qualunque schifezza pur di non passare da razzista. Quasi mi spiace deluderli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: