appendice al Decalogo Antiinculturazione: il male minore del “made in…”

Va altresì osservato quanto sia il caso di fare attenzione ad una serie di luoghi comuni volti – di fatto – a sfatare la possibilità di “resistere”: <<..inutile evitare i negozi cinesi, tanto anche i grandi marchi italiani e internazionali producono in Cina..>>. Vero, probabilmente. Tuttavia, un conto è foraggiare il sottocosto – illegale – straniero in casa nostra, che ci toglie da vivere 3 volte: industrialmente, salarialmente e veneficamente, data la tossicità dei prodotti in questione; altro conto è vedersi costretti, nostro malgrado, a comprare beni di prima necessità (prese elettriche, tanto per fare un esempio) comunque prodotti chissà dove, ma almeno conformi a standard qualitativi imposti da normative nostrane: quella presa elettrica non la producevamo noi nemmeno prima, ma almeno, comprandola in un negozio italiano e gestito da italiani, sarà davvero minimo il valore di ricchezza alienato altrove, rispetto all’acquistarla “tout court” da un negoziante straniero e sottocosto albergante sul nostro territorio, che manderà i soldi in patria e si arricchirà del nostro impoverimento vendendoci, oltretutto, merce avariata. E le statistiche di polizia in fatto di frode merceologica son lì pronte per essere consultate.

Se ogni ITALIANO, dal dopoguerra in avanti, avesse messo da parte i pusillanimi effluvii antinazionalistici che sono alla base della crisi IDENTITARIA,  COMMERCIALE ED ENERGETICA del nostro paese, e avesse continuato a fare il tifo per la propria comunità d’appartenenza cosi come LOGICA vorrebbe, saremmo ancora il Paese di Dante, Petrarca e Michelangelo. Ebbene, basterebbe invertire la rotta per far marcia indietro.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: