CHE CI MANGEREMO, UN GIORNO, L’I-PAD?!

L’antimodernismo potrà essere criticabile quanto volete in chiave ideologica, ma di logica ne ha da vendere!

Pensateci un attimo: qual è la sola esigenza umana vitale alla sopravvivenza d’ognuno, circadiana sin dal giorno del vostro primo vagito, e tale immutata sin dall’epoca delle caverne ?! L’alimentazione, senza dubbio. Sia essa intesa come consumo, sia come produzione e reperimento del cibo.

Allora, dimentichiamo per un attimo l’aspetto culturale della gastronomia (apriremmo una voragine polemica da destinare ad altro scritto), e dedichiamoci a quello meramente produttivo: il Lazio, per questioni geografiche, storiche e strutturali è senz’altro una delle regioni più verdi d’Italia e quindi maggiormente adatte all’agricoltura, alla pastorizia e alla pesca, da ben prima di Romolo e Remo (Bucoliche e Georgiche virgiliane vi dicono nulla?!).

Ora, posto che gli I-Pad non si mangiano né si coltivano, ma si possono costruire ed adoperare a Milano come ad Helsinki o a Singapore, che senso ha riassumere iconograficamente la campagna elettorale per una regione del genere trattando la voce “lavoro” come se fosse riservata solo a chi, in abiti fighetti, si “suda la pagnotta” attraverso un supporto tecnologico?

Forse che nella vita lavorano solo informatici, commercialisti, ingegneri e avvocati, mentre chi usa zappa e forcone si gratta tutto il giorno?! Dov’è finita quella proletaria dignità del lavoro che a sinistra, a suo tempo, acclamarono a tal punto da dedicare a due strumenti agricoli e meccanici, la falce e il martello, l’icona comunista per eccellenza?!

Ebbene, desumiamo dall’immagine in argomento, che, o il candidato in questione, una volta eletto, se ne fregherebbe manifesto Zingarettialtamente della tutela delle uniche categorie professionali da sempre e per sempre vitali alla nostra sopravvivenza biologica, i contadini, gli allevatori e i pastori, oppure il progetto è quello di cementificare a tal punto la regione (e il Bel Paese tutto) da toglierle qualsiasi autonomia produttiva essenziale, per farne un dormitorio a cielo aperto.

Certo è che la sinistra da mo’ non si sporca più le mani di terra e di grasso: e cosa ci mangeremo, un giorno, l’I-Pad di Zingaretti?!

HELMUT LEFTBUSTER, 20 1 2013 d.C.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: