SE LO STUPRATORE DELLA BIMBA FOSSE STATO UN PARROCO…

In soli due giorni (14-15 maggio 2015) si è scatenata un’indicibile violenza a danno di categorie indifese, una bambina, un’adolescente e addirittura una disabile, tutte donne.

Categorie per le quali i “se” e i “ma” non potrebbero neanche tecnicamente essere tirati in ballo.
Diversi i casi, ovviamente, ma la costante è stato l’accertamento delle responsabilità a carico di stranieri extracomunitari.

Come sempre in queste situazioni, data la calienza politica dell’argomento “immigrazione”, fra gli sbarchi oceanici di questi giorni e la vigilia elettorale per le amministrative, le notizie sono state strumentalizzate da entrambi i lati, e le strumentalizzazioni non rendono mai giustizia né alla verità né alla comprensione di un fenomeno nelle sue componenti eziologiche, sociologiche e statistiche.

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2015/14-maggio-2015/profugo-ospitato-una-famiglia-stupra-figlia-6-anni-coppia-2301384940135.shtml

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11789815/Udine–immigrato-stupra-un-invalida.html

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/terni-porta-crocifisso-collo-12enne-pestata-scuola-1128904.html

Ora, le migliori riflessioni che si possono fare sono quelle in totale autonomia di pensiero e coscienza.
Al singolo il diritto di dibattere e confrontarsi proponendo ai propri concittadini dei quesiti liberi quanto le risposte che possono scaturirne, esattamente come avveniva nell’Atene di 3000 anni fa.
Ebbene, ci viene spontaneo domandare: data l’entità dei crimini descritti nei link, vi risulta che i tg nazionali o le prime pagine abbiano aperto con tali agghiaccianti notizie, in questi 2 giorni?

Vi risulta che già solo una decina d’anni fa fatti di cronaca analoghi inondassero la quotidianità italiana con tale frequenza e tale veemenza?

Vi siete domandati che cosa sarebbe accaduto se fosse stato un adolescente italiano a picchiare una ragazzina per il colore della sua pelle o per un monile al collo? O magari fosse stato un padre di famiglia, anziché un estraneo, a violentare una piccola di 6 anni, consentendo così agli scialacquatori di luoghi comuni mondialisti di blaterare che “la famiglia è l’ambiente violento per eccellenza”?!

Domandiamoci se fosse stato un parroco (di quelli che certa “intellighenzia radical-chic” non vede l’ora di cogliere con le mani nella marmellata) a violentare un minore o un disabile, come effettivamente talvolta è accaduto: la mediaticità del fatto sarebbe stata altrettanto “pacata”, “giustificata”, attenuata” come nel caso in esame in cui il colpevole è uno straniero?!

Abbiamo pronta anche la prova del 9: vi risulta così “declamata” la recente notizia dell’uccisione di questa donna da parte del prete (nella foto)? No? Come mai, secondo voi?

http://www.leggo.it/NEWS/ITALIA/guerrina_piscaglia_uccisa_padre_gratien_alabi_scandalo/notizie/1319879.shtml

Noi ci limitiamo a porre delle riflessioni libere, convinti che in 3000 anni di cammino la democrazia dovrebbe aver SE LO STUPRATORE...fatto passi da gigante; ad ognuno, quindi, la facoltà di trarre le proprie personali conclusioni. Ma anche la consapevolezza che l’ultima parola per la conduzione ed il miglioramento della vita sociale di una comunità, in democrazia, spetta alla politica.
E il 31 di maggio si vota.

HELMUT LEFTBUSTER

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: