Archive for dicembre 2015

I BUBBONI DELLA VOSTRA SFIGA

dicembre 31, 2015

Ci congediamo da questo glorioso anno d’uscita di “Retro-Marsch Kiss” con l’effigie della nostra Lilì Lilien, protagonista della chiosa al prossimo “In Sanctitate, Benignitas Non Miseretur !”, ivi intenta ad augurare mefitica sfiga a tutti quei mediocri ben digeriti e cagati dalla grande fotocopiatrice “rockettara” e “alternativa” fatta di redazioni fighette che piagnucolano per Lemmy Kilmister dopo non esserselo mai inculato a causa di qualche aquilotto di troppo sul cappello.
E che dire di tutte quelle band che, pur di piazzare qualche intervista con la museruola, fanno la stessa pensata nostra, ma poi ripongono il fazzoletto in tasca e ringraziano pure per lo spazio dato dai “rivoluzionari” e combattivi media all’ “underground”?!

Andatevene affanculo, quest’anno come quello prossimo, e che i bubboni della vostra sfiga possano giunger tardi a ricordarvi che ci si ammala prima nell’anima e poi nel corpo.
G/Ab & DEVIATE DAMAEN

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I DEVIATE DAMAEN declamano YUKIO MISHIMA per il live di HANORMALE

dicembre 21, 2015

G/Ab VOLGAR DEI XACRESTANI, voce e leader dei DEVIATE DAMAEN, per onorare anche dal vivo la sua orgogliosa partecipazione all’Opera omnia “Amaterasu”, realizzata dal sincretico progetto HANORMALE e uscita per l’etichetta Dusktone, proporrà, per il “live” di presentazione di tale capolavoro, alcuni brani del grande autore nipponico Yukio Mishima, tratti dal suo libro “Lezioni Spirituali Per Giovani Samurai”, raccolta di testi non narrativi scritti fra il 1968 ed il 1970 d.C., anno in cui l’irriducibile poeta-guerriero, che ha dedicato tutta la sua vitalità militante alla resistenza antimodernista del Giappone imperiale, attuerà l’estremo gesto che lo consacrerà all’empireo dei combattenti per la Bellezza.
https://it.wikipedia.org/wiki/Yukio_Mishima

L’evento si celebrerà in Erba (Co), presso la Centrale Rock Pub, via Cascina California 9, il giorno dell’Immacolata Concezione (data da sempre sacra alla band di Volgar)
https://www.facebook.com/events/1689870937910877/

I DEVIATE DAMAEN, alla faccia di tutte quelle merde rockettare che frignano di mattanze umane solo quando avvengono lontano e mai quando colpiscono il vicino, dedicheranno questa loro partecipazione sonorica al fianco del confratello Ark e degli altri “Hanormali”, ad Ermes Mattielli, ennesimo martire d’uno scempio ideologico invertitore della più alta valorialità ancestrale: la difesa della propria incolumità e di quella dei propri prossimi.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/rabbia-gente-carnefici-trasformati-vittime-1192463.html

In un sistema culturale messosi a pecorina di 4 troie incrostate di cipria stantia che le pecore non saprebbero portarle nemmeno a cagare sui prati, c’è chi ancora, come Noi e pochi altri, preferisce sbatterselo con le proprie mani pur di non prendersi la sifilide da quell’anti-identitarismo che guarda al passato sempre e comunque col disprezzo intellettualoide tipico del marciume mondialista.
http://www.riscattonazionale.it/2015/11/12/firenze-scuola-annulla-visita-alla-mostra-di-arte-sacra-per-non-turbare-atei-e-islamici/

http://www.soundsblog.it/post/263711/the-voice-2-freddie-mercury-risponde-a-j-ax-video

L’Eucarestia con cui celebreremo questo nostro sacrificio al servizio della Bellezza sarà costituita da 5 copie di “Retro-Marsch Kiss” elargite, durante il concerto, ai primi 5 fedeli che oseranno porgere le loro lingue per ricevervi sopra la nostra ostia timbrata SIAE.

G/Ab & DEVIATE DAMAEN

http://www.iyezine.com/hanormale-amaterasu-omikam12227628_963635717043440_4344461185253770871_n

AFFAMATI LADRI DI BICICLETTE O SFACCENDATI AGGRESSORI DI CICLISTI?

dicembre 21, 2015

Torniamo ad occuparci di biciclette, tuttavia stavolta non in chiave sportiva né fiscale, ma criminale.

http://www.qelsi.it/2015/la-sinistra-a-caccia-di-soldi-tasse-su-ciclicisti-e-defunti/

http://www.bolognatoday.it/cronaca/rapina-via-zamboni-studente-bici-furto-telefonino.html

Chi, bontà sua, era già nato, ricorderà il mantra delle sinistre negli anni ’60 e ’70 secondo il quale chi sottraeva con la forza la proprietà altrui lo faceva per fame e per esasperazione sociale. Il riferimento iconografico era quello dello smunto operaio sfinito dalla fatica contrapposto al grasso padrone col sigaro che conta i soldi che l’altro si è sudato: quindi un ghigno su un eventuale vantaggio del primo, estorto a discapito della sicurezza del secondo, ci poteva stare tutto.
Ma oggi la realtà che cosa ci propone? Qual’è l’iperbole più realistica che la cronaca ci suggerisce ogni giorno a suon di pestaggi aggressioni?

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/trieste-italiano-picchiato-7-stranieri-senza-motivo-trauma-c-1206328.html

Ebbene, al posto dell’operaio smunto e sfinito ci stanno floridi e nullafacenti ragazzotti talmente coccolati dai soldarelli che le amministrazioni drenano a loro favore sottraendoli alle scuole, agli ospedali e alle pensioni, che, non sapendo come passare il tempo, aggrediscono vittime deboli ed indifese per il solo gusto di farlo e non certo per sottrarre loro risorse utili a sbarcare il lunario.

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/macerata-anziano-difende-disabile-pestato-da-straniero-2333451/#sthash.TsjdqHvZ.dpuf

Una nullafacenza sovvenzionata da valori vuoti ed esasperati come buonismo ed assistenzialismo senza frontiere.
Sull’altro fronte, come si evince da casi come questo che chiunque può verificare come giornalieri cercando su internet, non c’è più il ricco e pingue capitalista che conta i soldi, ma c’è il disabile che non può difendersi, o c’è l’anziano pensionato che viene massacrato per pochi euro o, ancora, lo squattrinato studente ciclista che viene aggredito solo perché, in sella ad una bici, è ben difficile difendersi.
E allora, come non fare il tifo per la sua intraprendenza, grazie alla quale, nonostante le vili percosse inferte dai tre energumeni ad una persona in posizione di svantaggio fisico, egli non solo ha saputo reagire, ma ha fatto anche arrestare quei tre vitelloni nella speranza che qualche nostalgico dell’ esproprio proletario non si premuri di liberarli prima del tempo.
HELMUT LEFTBUSTER

Presentazione di “IN SANCTITATE, BENIGNITATIS NON MISERETUR”

dicembre 8, 2015

DEVIATE DAMAEN et D.EVIL 99
nel giorno dell’Immacolata Concezione
presentano:
“IN SANCTITATE, BENIGNITATIS NON MISERETUR!”

Altro che “Giubileo della Misericordia”!
Mentre le sfigate damine laiciste e multiculturaliste si purulentano la figa a suon di ditalini sul presepe-sì presepe-no, le Dame Deviate, senza smettere di godersi gli effluvi di bile emanati dalla plebaglia compagnera dopo la semina di “Retro-Marsch Kiss”, sono al lavoro, all’unisono con D.EVIL 99, su un concept interamente dedicato al doom-metal, dal titolo “IN SANCTITATE, BENIGNITATIS NON MISERETUR!”
Tale progetto, totalmente ispirato al genere metal più bianco, dantesco e sacrale di sempre, il “doom”, sarà condiviso con Vincent Felis (D.EVIL 99), il cui genio compositivo e chitarristico, rimasto tumulato per anni nelle segrete d’una scrittura autarchica, è ora pronto per mandare in frantumi la lapide provvisoria che solo il marmo più pregiato doveva poter sostituire.

Così come il compianto Christopher Lee, prima di lasciarci, ha immortalato in chiave metal le imprese di Carlo Magno contro i Saraceni (“The Omens Of Death”), Noi canteremo in metal Torquato Tasso e la sua “Gerusalemme Liberata”, reciteremo il “Rolandslied” nell’antica lingua dei Germani, pregheremo nell’oscurità affinché meglio venga esaltato il chiarore della nostra foggia, glorificheremo una Romanitas dimenticata poiché troppo ingombrante al tristo immaginario dei molluschi che ne dovrebbero essere gli eredi, dimostreremo di credere all’Aldilà riesumando gli scritti di un grande ribelle spirituale come Giovanni Papini; e augureremo autentica sfiga alla salute di ogni bilioso materialista, poiché nella santità non c’è posto per alcuna mediocre benevolenza verso chi si odia.

Oltre a G/Ab Svenym Volgar, a Vincent Felis, ad Ark e allo stato maggiore dei Deviate Damaen, prenderanno parte al progetto ospiti insigni del Metal nostrano e del Teatro tedesco.
Le liriche di quest’Opera, così profondamente religiosa, sono state composte da G/Ab durante la sua visita presso la cattedrale di Ratisbona e durante i suoi recenti ritiri negli eremi di san Venanzio e di Preci, ove anche sono stati registrati sfondi, cori, suoni ed effetti fra cui merita menzione, per la sua sacrale amenità, quello percussivo della pressa taglia-ostie.
L’uscita dell’album è prevista per il gennaio 2017 d.C. (per quale etichetta, non ce ne frega un cazzo nemmeno saperlo).

Un Artista che si mette al lavoro è come un soldato che si mette in marcia: serrargli il passo è un atto di guerra che può solo ulteriormente ispirarne i carmi e indurirne le carni.
G/Ab, VINCENT & DEVIATE DAMAEN

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA