Archive for febbraio 2017

IL SINISTRO D.O.C. STORCE LA BOCCA DAVANTI ALLA CUCINA POPOLARE

febbraio 14, 2017

Il sinistrismo, oltre che essere un fenomeno antropologicamente misterioso per via dell’autoafflizione che puntualmente accompagna la natura dei suoi soggiogati, è altrettanto sconveniente per l’economia nazionale a causa dell’ossessione esterofila che ne contraddistingue il credo ideologico.

Di conseguenza, a causa della sua ostilità alla cucina popolare, esso non potrà che essere venefico anche per la salute di artigiani e produttori agroalimentari, nonostante i suoi politici di riferimento tentino in ogni modo di imbonirsi tali categorie con la favoletta delle esportazioni, al finale della quale il Paese sarà già bello che fallito e colonizzato.
Abbiamo visto più volte come la parola “populus” non piaccia al sinistrume; e dire che i nostri Padri Romani la equiparavano in sacralità persino a quella di Senatus (S.P.Q.R. , “Il Senato E Il Popolo Romano”); ecco, andate a dire oggi a un senatore “progressista” di stare in fila alle poste alla stregua di un qualunque altro suo concittadino..e sentirete che latinismi gli usciranno di bocca!
http://www.qelsi.it/2014/il-proletariato-e-un-concetto-troppo-identitario-per-essere-amato-dalle-sinistre/

Ebbene, se ci rechiamo in pescheria con uno di questi terzomondisti incalliti, state pur certi che acquisteranno prodotti di gran pregio come cernie, orate e aragoste; poco importa se tali pesci e crostacei saranno stati prelevati da un allevamento balcanico, nordafricano o vietnamita; l’importante è pronunciare la parola d’un pesce noto, costoso e “chic”, possibilmente dando del Tu al pescivendolo (ma facendosi dare da lui rigorosamente del Lei), ed escludendo qualsiasi riferimento alla cucina povera e popolare tipica della civiltà contadina o marinaresca nostrana.

Già, il Sinistro d.o.c. storcerà sempre la bocca innanzi ad una bella paranza di pesce il-sinistro-doc-storce-la-boccaeccessivamente plebeo, o all’idea di una bella zuppa con l’arzilla (quanti di voi sanno cos’è “l’arzilla”?!); di certo si schiferà davanti ad un semplice spaghettino con le telline, nonostante il sapore di tale mollusco superi in pienezza quello delle ben più gettonate vongole.
Del resto, non è un caso che i grandi ristoratori e chef parassitanti nei talent-show che affollano ogni genere di palinsesto abbiano tutti il culo targato a sinistra e cucinino solo delle gran ciofeche con cui sporcare piatti che verranno spacciati per opere d’arte.

E allora domandiamo agli ancora tanti poveri che votano quella parte politica: ma vi piace così tanto essere presi per il culo?
HELMUT LEFTBUSTER

AVER CONSERVATO QUADERNI CON TEMI E DETTATI DA SCOLARETTI ANNI ‘70 CI AIUTERA’ A DIMOSTRARE LA PROSTRAZIONE DELLA MAIEUTICA MODERNISTA

febbraio 5, 2017

“Carta canta!” è un motto di rara infallibilità: i documenti, le fotografie, il cartaceo in generale, testimoniano sin dal giorno della loro invenzione quel che gli uomini sono stati, come sono vissuti, come hanno percepito e interagito con la realtà circostante.
E non a caso, quel coacervo di interessi malsani e ideologie depressive, che l’antropologa Ida Magli chiamava nei suoi libri “Laboratorio Per La Distruzione”, implementa costantemente condotte sociali volte a disintegrare le prove di ciò che siamo stati, complici le nuove tecnologie digitali la cui tenuta nel tempo non è stata ancora empiricamente dimostrata.
http://www.qelsi.it/2014/dopo-loccidente-ida-magli-spiega-come-salvare-leuropa-da-politicamente-corretto-e-multiculturalismo/

Ed ecco che il dettato o il temino di un bimbetto classe 1970 d.C. possono diventare armi mediatiche formidabili a dimostrare quanto e come il progetto mondialista stia improvvisamente contravvenendo a quell’ordine naturale delle cose un tempo trasmesso ai giovanissimi sin dai primi passi della maieutica scolastica.

Il trinomio “fotografia-calligrafia-contenuto” delle immagini sottostanti non necessita di alcun commento o didascalia specifici, bastando da solo ad indurre il libero lettore alle più fiammeggianti riflessioni logiche circa quali nefaste intenzioni siano in animo a chi vuol stravolgere la nostra Civiltà attraverso l’evidente regressione e il palese abbrutimento della didattica, della pedagogia e dell’educazione.

1

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

4

5

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

7

8

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

10

11

12

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

14

15
In conclusione: i soliti musi storti diranno che <<non c’è società umana senza progresso>>, che <<la cultura non può restare immobile>>, che <<tutto cambia e si trasforma>> e, a seguire, le altre solite 3 o 4 ovvietà tratte dal diabetico glossario progressista.
Ebbene, noi rispondiamo a tal belare con l’ennesimo quesito logico: se al gioco del Tiro alla fune non ci fosse chi tira da entrambe le parti…il gioco esisterebbe inquanto tale ?!
Ecco, Noi siamo quelli che tirano dalla parte del Proprio e della Bellezza; gli altri tirassero dove vogliono loro, ma senza rompere i coglioni alle convinzioni altrui.

HELMUT LEFTBUSTER